Fuori dal Giro si propone di attivare azioni di prevenzione e riduzione dei danni connessi al’uso di sostanze stupefacenti fra la popolazione giovanile del territorio di Palermo. Il progetto è attiva su 4 quartieri della città: Sperone, Borgo Vecchio, Ballarò e Zen attraverso attività di educativa di strada supportata dal esperti di laboratorio che hanno l’obiettivo di agganciare i ragazzi e promuovere stili di vita sani attivando le risorse personali e di rete. In aggiunta nei quartieri sono presenti degli sportelli di prossimità finalizzati all’accoglienza e al supporto di ragazzi e loro familiari che sono a rischio o presentano problemi connessi alle sostanze. Sono inoltre attive due unità mobili: una presente nel quartiere di Ballarò per rispondere alle emergenze legate all’assunzione del crack attraverso interventi di riduzione del danno e l’atra che opera al Politeama finalizzata ad interventi di prevenzione primaria e promozione della salute. Il progetto opera all’interno di molteplici scuole della città situate nei differenti quartieri con interventi finalizzati nelle classi o attraverso sportelli attivi negli istituti.

SPORTELLI DI PROSSIMITÀ

Via del Granatiere, 45

Lunedì: 09.00-13.00/15.00-18.00
Mercoledì: 15.00-18.00
Giovedì: 09.00-13.00

 333 8137240

Via Vesalio, 1

Dal lunedì al sabato
09.00-13.00
16.00-20.00

 376 0523121

Vicolo Infermeria dei Cappuccini, 3

Lunedì: 09.00-19.00
Mercoledì: 14.00-19.00
Venerdì: 09.00-14.00

 379 1775240

Via Fausto Coppi, Pad. 18

Lunedì e Martedì: 15.00-18.00
Mercoledì e Giovedì: 10.00-13.00

 375 8318515

Corso dei Mille, 1080

Lunedì: 15.00-19.00
Giovedì: 09.00-13.00
Venerdì: 15.00-19.00

 375 6788494

UNITÀ MOBILE

Prevenzione primaria

Un camper attivo tutti i venerdì dalle 15.00 alle 21.00 presso Piazza Politeama scende in strada per incontrare ragazzi dagli 11 ai 18 anni e promuovere iniziative di informazione e sensibilizzazione sui temi dell’uso e dell’abuso delle sostanze con l’obiettivo di fornire esempi di vita sani e aumentare il livello di benessere dei giovani. L’intervento infatti fornisce informazioni corrette circa le sostanze maggiormente utilizzate nell’adolescenza (tabacco, alcool, cannabinoidi, svapo) attraverso metodologie non formali come delle vere e proprie challenge attraverso dispositivi tecnilogici. L’unità è inoltre dotata di dispositivi che permettono la simulazione degli effetti dovuti al consumo di sostanze che creano dipendenza. L’equipè è formata da psicologi, assistenti sociali, peer educator, ma sono anche presenti esperti di laboratorio che attraverso attività circensi, fotografiche o sportive agganciano i ragazzi e le ragazze e li accompagnano ad un dialogo e ad una riflessione su loro stessi.

Prevenzione secondaria e riduzione dei rischi

L’unità mobile è attiva tutti i venerdì notte dalle 20.00 alle 2.00 presso alcuni luoghi di ritrovo e divertimento. L’intervento – destinato ai consumatori di sostanze, spesso poliassuntori –  mira a minimizzare i rischi che derivano dalla prosecuzione dell’uso di sostanze, ma anche a riflettere sul loro stato di salute psicosociale complessivo. All’interno dell’unità vengono forniti presidi sanitari e di profilassi e si può anche usufruire di una zona di decompressione dentro l’unità al cui interno è possibile rilassarsi, assumere bevande calde, integratori ed effettuari colloqui di supporto. L’equipè è composta da psicologi, mediatori, assistenti sociali, peer educator e operatori dell’ASP. 

Riduzione del danno

I servizi specifici rivolti alla riduzione del danno attraverso la distribuzione di materiale sanitario e di profilassi, bevande calde e integratori. Si effettuano accompagnamenti ai servizi sanitari e sociali per coloro che richiedono aiuto inerenti diversi livelli di intervento. Il martedì il camper è supportato dall’intervento di un’ulteriore Unità Mobile di Intersos che vede la presenza di medici e mediatori che affiancano l’euqipè rispetto alle richieste o ai bisgoni prettamente di natura sanitaria. L’equipè è composta da psicologi, mediatori, assistenti sociali, peer, educatori di strada e operatori dell’ASP. L’unità mobile è attiva il lunedì, martedì, giovedì e sabato dalle 15:00 alle 21:00 e il mercoledì dalle 8.00 alle 14.00 presso Casa Professa.

SCUOLE

Grazie alla formazione agli operatori condotta dal Dipartimento di salute mentale – UOC dipendenze patologiche, Libera, in collaborazione con Opera Don Calabria, Sol.co e Casa dei giovani, ha definito una proposta progettuale in risposta alla “domanda di salute” delle scuole, secondo le indicazioni dei dirigenti e dei docenti referenti. I temi trattati che vanno dalla gestione delle emozioni, alla le relazioni tra pari e gli stili di vita, aprono la strada anche a un dialogo sull’uso delle sostanze e le conseguenze dell’abuso delle stesse.

Sportelli psicologici e d’ascolto

In 4 scuole tra le 7 aderenti al progetto (Liceo Regina Margherita, IISS Ferrara, ICS Sperone-Pertini, IISS Cascino) sono stati attivati o potenziati, lì dove già presenti, degli sportelli psicologici e d’ascolto rivolti a studenti, studentesse, personale scolastico e famiglie. L’accesso allo sportello, che non prevede una presa in carico terapeutica, è consentito previo appuntamento e autorizzazione da parte dei genitori, di concerto con i coordinatori di classe e gli educatori che svolgono i percorsi laboratoriali e i focus group nelle classi. Uno spazio di dialogo sicuro aperto anche al personale scolastico e ai genitori.

CONTATTI

    Progetto finanziato con il Fondo Nazionale per l’infanzia e l’adolescenza L. 285/97